Il ritrovamento di monete antiche è sempre una notizia che lascia sorpresi, in modo particolare se scopriamo che questo oggetto è stato trovato in Giappone. A Okinawa, sotto le rovine del castello Kasturen di Uruma, infatti sono state ritrovate quattro monete antiche romane considerate rarissime: si tratta di oggetti in rame risalenti all’epoca di Costantino. Ogni moneta ha un diametro da 1,6 ai 2 centimetri e sono considerati reperti dell’Impero romano: presentano delle incisioni rovinate dalle abrasioni ma sembra che riportino il volto di Costantino I, così come notato grazie alle prime analisi ai raggi X. Grazie a questo particolare dettaglio si pensa che le monete possano essere collocate tra il 300 e il 400 dopo Cristo.

In maniera più generale possiamo dire che una moneta antica rappresenta un piccolo grande tesoro, ovviamente in base al prestigio e al valore che può essere attribuito a un dato modello. La valutazione di una moneta antica varia in base alla sua rarità e alla sua conservazione, senza dimenticare però anche il metallo stesso di una moneta, che influenza direttamente il suo prezzo e prestigio. La rarità viene misurata su una scala di sette livelli ed è uno dei fattori più importanti da conoscere prima di far stimare e valutare una moneta antica.

La singolare scoperta è stata resa possibile grazie a un team di archeologi del professor Hiroyuki Miyagi, il quale doveva analizzare alcune armature, senza sapere che si sarebbe poi trovato di fronte a una decina di monete. E intanto la domanda è solo una: non solo come abbiano fatto queste monete ad arrivare in Giappone, ma quale sarà la loro valutazione di mercato, tenendo presente le origini ottomane? Domanda che forse non troverà mai risposta, ma che sicuramente potrebbero aprire nuovi capitoli della storia. Una storia che ora potrebbe anche essere riscritta.

E se si trattasse di uno scherzo o falsificazione? I dubbi sorgono perché gli archeologi si trovavano al lavoro su quel luogo da molto tempo, ma come hanno potuto accorgersi solo ora di queste monete antiche? Al momento si ipotizza solo che possano essere state portate in Giappone grazie ai commercianti cinesi. Ma il tutto è ancora da chiarire e verificare e per questo si sta lavorando per poter stabilire così quale sia la stima di queste monete. Per questo non possiamo aggiungere altro in merito a questa vicenda, attendendo con impazienza i futuri esisti delle ricerche che continueranno ad essere effettuate dagli archeologi.